Feeds:
Articoli
Commenti

CALAMITE A TEMA

Mi piacciono le calamite decorative.  A casa mia “rifiniscono” il frigo in cucina e mi posso sbizzarrire nelle forme e nei soggetti più svariati.

Le onnipresenti papere, le riproduzioni artistiche, i ricordi di una vacanza, un pensierino delle figlie o degli amici che conoscono le mie passioni.

DSCF3837

Ma in determinati luoghi o circostanze vale la pena che siano a tema. Nello studio di Michele ad esempio, alle spalle della scrivania in segreteria è posizionata una grande lavagna calamitata, dove si appuntano i “memento” della giornata.

Ho pensato allora che invece dei magneti da ufficio, un po’ banali nella forma e nel colore, potevo creare qualcosa di più originale, inerente all’attività che lì si svolge (e che attività!!) 😉

Mi sono procurata quindi una base di legno (il fondo di un cassetto di un vecchio mobile che un amico stava per buttare) seghetto e colla vinilica.

DSCF2530

Ho deciso le misure e ho ricavato un tassello di legno

DSCF2531Quindi mi sono lanciata nella ricerca su internet.

Ho trovato alcune cose che facevano al caso mio e le ho stampate. Le ho poi ridotte della misura giusta e le ho incollate al pezzetto di legno

DSCF2533Ne ho fatte tante quante erano necessarie e dopo aver lasciato asciugare la colla ho dato loro una passata di vernice trasparente. Ho incollato un pezzetto di calamita ed ecco il risultato

DSCF2550

Certo l’argomento non è tra i più dilettevoli, ma quello è… :mrgreen:

Zollette “digestive”

Ho rifatto il Laurino, perché è un liquorino del dopo pasto che piace ed è effettivamente digestivo: del resto le proprietà dell’alloro sono ben conosciute…

Mi avanzavano poche dita di alcool e mi è venuto in mente che potevo fare gli zuccherini digestivi.

DSCF3563

Ho messo una decina di foglie di alloro alla base di un barattolo di vetro e l’ho riempito di zollette di zucchero.

Ho poi inserito tutto intorno al bordo altre foglie di alloro e ho ricoperto di alcool.

DSCF3569

Tempo una qarantina di giorni e sentirete che bomba!!

Garden news

Il mio nuovo amico…

1359221111645

Per un momento il freddo sembra allontanarsi dall’inverno e dai nostri cuori…

Immagine

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine

AD UN’AMICA

Non piangere sulla mia tomba,
io non sono lì, non dorme la mia anima.
Sono il soffio di mille venti,
sono il luccichio della neve che brilla come diamanti.
Sono la luce del sole sul grano maturo,
un raggio di sole che splende d’estate.
Sono la leggera pioggia autunnale.
Quando ti svegli nella calma della mattina,
sono nella veloce alzante corsa di splendidi uccelli che volano in cerchio.
Sono la più alta farfalla che vola serena,
io sono tra le stelle che brillano nel buio della notte.
Sono nei fiori che sbocciano,
sono in una stanza tranquilla,
sono negli uccelli che cantano,
sono in ogni cosa bella.
Non stare in piedi davanti alla mia tomba a piangere.
Non sono lì. Non ti ho lasciato.

Canto Navajo

Quando le mie figlie decidono di accantonare un paio dei loro adorati Jeans vuol dire che proprio sono arrivati al capolinea.

Jeans

Spesso però alcune parti del pantalone possone essere riutilizzate.

Mi è venuto in mente per fare una cosa facile e veloce di riciclarli come cuscini.

Si sceglie una zona abbastanza ampia e regolare del jeans: è più semplice sulla gamba che è più dritta e non ha particolari e complesse cuciture.

47ee

Si cerca di squadrarla il più possibile, anche se volendo rimangono carini anche un po’ ‘sghimbesci’.

Si ritagliano due parti uguali (tanto le gambe sono due… 😯) e si cuciono dal rovescio lasciando 15 cm. circa per inserire l’imbottitura

Se avete la macchina da cucire è ovviamente più agevole ma si può fare anche a mano.

Quindi si imbottisce (a me piace bello pieno). Come imbottitura  ho utilizzato quella ricavata da vecchi cuscini da arredo (vedi  a non buttare via niente…).

Qui ho aggiunto un grosso bottone di madreperla  in uno ed ho applicato una tasca recuperata dallo stesso pantalone nell’altro.

uno per figlia per par condicio

uno per figlia per par condicio